Workshop
Lezioni Rossi-Doria
Scuole
GDS17
Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Presentazione  Rapporto CER n 3/2014: Integrazione internazionale e innovazione
In collaborazione con Centro Europa Ricerche (CER)

Introduce
Vladimiro Giacché, Presidente CER

Presenta il Rapporto
Lelio Iapadre, Università dell’Aquila e CER – Presentazione

Ne discutono
Sergio De Nardis, Nomisma – Presentazione
Valentina Meliciani, Università di Teramo – Presentazione
Luca Salvatici, Università Roma Tre e Centro Rossi-Doria

Conclude i lavori
Claudio De Vincenti, Vice Ministro dello Sviluppo Economico

Coordina
Anna Giunta, Università Roma Tre e Centro Rossi-Doria

Locandina
Invito

Sommario. Nel corso del 2014, l’economia italiana ha continuato a registrare un aumento del proprio avanzo estero di parte corrente. Ciò si è verificato nonostante il progressivo indebolimento dello scenario internazionale, dove ai buoni risultati degli Stati Uniti si contrappongono le persistenti difficoltà nell’Eurozona e in altri paesi avanzati, nonché il rallentamento di alcune importanti economie emergenti, anche per effetto del calo dei prezzi delle materie prime. Tensioni latenti continuano a minacciare la stabilità dei mercati finanziari, intrecciandosi con i problemi irrisolti delle relazioni politiche internazionali.
Anche il processo di globalizzazione non ha ancora recuperato lo slancio degli anni precedenti alla grande crisi. Gli scambi di merci continuano a crescere a tassi inferiori alla produzione industriale, risentendo negativamente della debolezza di economie molto aperte, come quella europea. Le politiche di liberalizzazione commerciale stentano a imprimere impulsi espansivi, data la persistente incertezza sull’esito dei principali negoziati multilaterali e preferenziali in corso.
I tassi di cambio si muovono in direzioni non sempre coerenti con gli squilibri macroeconomici sottostanti e non sembrano riuscire a esercitare effetti correttivi rilevanti: le variazioni di competitività che ne derivano non riescono comunque a controbilanciare il vuoto di domanda aggregata generato dalla debolezza dei salari e dell’occupazione nei paesi sviluppati e dall’orientamento restrittivo delle politiche fiscali europee.