Assegni di Ricerca

//Assegni di Ricerca
Assegni di Ricerca 2017-08-31T17:37:07+00:00

Assegno di Ricerca co-finanziato dal Centro Rossi-Doria e dal Dipartimento di Economia, Università Roma Tre

giffoni_photo

FRANCESCO GIFFONI

Un’Applicazione dell’Approccio delle Catene Globali del Valore alle Imprese Fornitrici di Alta Tecnologia del CERN.
Supervisore: Prof.ssa Anna Giunta

Il finanziamento delle infrastrutture di ricerca di base è divenuta una tematica cruciale negli ultimi anni. Rimane tuttavia il problema di dover giustificare sotto il profilo delle ricadute socio-economiche un investimento sostanziale di risorse nella ricerca di base (si veda sul tema Florio, M., Forte, S., & Sirtori, E., 2016, Forecasting the Social Impact of the Large Hadron Collider: A Cost-Benefit Analysis to 2025 and Beyond. Technological Forecasting & Social Change)

BANDO

Francesco Giffoni è economista presso CSIL (Centre for Industrial Studies) e docente alla “Milan Summer School on Cost-Benefit Analysis of Investment Projects”. Dopo aver conseguito un dottorato di ricerca in Economia presso l’Università di Roma La Sapienza, Francesco ha trascorso un periodo di ricerca al Dipartimento di Economia Regionale (RHV) all’ università di Rotterdam. Inoltre, ha conseguito un Master in Economia e Welfare delle Amministrazioni Pubbliche presso l’Università La Sapienza. Egli ha anche frequentato molti corsi post-laurea (Milan Summer School on Cost-Benefit Analysis of Investment Projects, Winter School in Spatial Statistics and Econometrics at University of Trento, ERSA Summer School, Advances in Regional Science, e il graduate program all’ Istituto Einaudi per l’ Economia la Finanza (EIEF) a Roma).
La sua esperienza professionale è iniziata nel 2009 in Banca d’Italia, dove ha preso parte ad un progetto di ricerca per valutare l’impatto del capitale umano sulla crescita delle città italiane. Nel corso degli anni, Francesco, è stato coinvolto come econometrico in diversi studi di valutazione di politiche pubbliche per conto di numerose istituzioni italiane e straniere (Commissione europea, DG Regio, CERN, governo dell’Arabia Saudita, Comune di Rotterdam; Ministero del Lavoro Italiano, Fondazione Giacomo Brodolini, CISL).
I suoi interessi di ricerca sono in economia applicata. In particolare, sviluppo urbano e regionale, valutazione di politiche pubbliche e politica economica industriale, analisi costi-benefici di grandi progetti industriali e infrastrutturali, e di grandi infrastrutture di ricerca (CERN-LHC, HL-LHC, FCC-HH). Durante la sua carriera, Francesco ha maturato una solida esperienza nell’uso di diverse metodologie e tecniche di valutazione: analisi controfattuale, reti Bayesiane, analisi costi-benefici, analisi cluster, realizzazione di interviste e formulazione di questionari, stesura e scrittura di report e articoli accademici.

Assegno di Ricerca co-finanziato dal Centro Rossi-Doria e dal Dipartimento di Economia, Università Roma Tre

Giua

MARA GIUA
CV
Sito Personale

Valutazione delle politiche di sviluppo dell’Unione Europea. Impatti e fattori condizionanti.
Supervisore: Prof. Fabrizio De Filippis

Il peso economico e strategico delle politiche di sviluppo dell’Unione Europea è oggi indiscusso. Non risulta altrettanto condiviso il loro ruolo sulla crescita regionale in termini di sviluppo coeso e sostenibile. Qual è l’impatto sul territorio della quasi totalità del budget comunitario? In che modo esso dipende dal contesto economico e territoriale nel quale vengono allocate, e spese, le risorse? Quanto conta l’effetto paese rispetto agli specifici fattori condizionanti locali?

Il progetto di ricerca vuole contribuire a questo dibattito studiando gli impatti esogeni delle politiche attraverso metodologie di valutazione controfattuale applicate a livello micro. Fattori endogeni come le dimensioni dello svantaggio territoriale, la governance e gli attori coinvolti, il contesto economico e la struttura complessiva delle politiche pubbliche verranno considerati in quanto fattori condizionanti degli impatti per far sì che le politiche siano valutate nella stessa ottica con cui oggi sono disegnate e implementate, e cioè in relazione ai luoghi e alla loro caratterizzazione.

Mara Giua è attualmente Assegnista di ricerca, Dipartimento di Economia e Centro Rossi-Doria, Università Roma Tre.

Nel 2015, Mara è stata premiata con Riccardo Crescenzi (LSE e Centro Rossi-Doria), per il miglior paper presentato alla Conferenza ‘Challenges for the New Cohesion Policy‘ (Riga, 4-6 Febbraio 2015), organizzata dalla Presidenza dell’Unione Europea, in collaborazione con la DG REGIO della Commissione Europea e la Regional Studies Association. Titolo del paper premiato: How Does the Net Impact of the EU Regional Policy Differ Across Coutries?

Nel 2016, il progetto di ricerca How can the EU Cohesion Policy help persistently under-performing regions? è risultato tra i vincitori della prima edizione (2016) della competizione della Commissione Europea Best Evaluation Proposals on the effectiveness of operations co-financed by Structural or Cohesion Funds.

Il riconoscimento al progetto è stato assegnato dal Commissario Europeo per la politica regionale Corina Cretu durante la cerimonia di premiazione tenutasi in occasione della 7th European Evaluation Conference The result orientation: Cohesion Policy at work (Sofia, 16-17 giugno 2016).

Assegno di Ricerca co-finanziato dal Centro Rossi-Doria, dal Dipartimento di Economia, Università Roma Tre e da Bioversity International

foto-livia-ortolani-1LIVIA ORTOLANI
Modelling to Estimate the Value of Social Benefits Arising from Safeguarding Agricultural and Tree Biodiversity
Supervisore: Prof. Luca Salvatici

La conservazione dell’agricoltura e della biodiversità può contribuire ad una soluzione sostenibile per garantire la sicurezza alimentare e nutrizionale a livello globale nonostante gli effetti negativi previsti a seguito dei cambiamenti climatici. Diversi studi indicano che la diversità della produzione alimentare contribuisce alla diversità nella disponibilità di cibo a livello locale e questo, a sua volta, contribuisce a migliorare la salute degli individui. La preservazione della biodiversità agronomica ed ecologica è quindi importante per garantire la disponibilità futura di cibo, in particolare nelle aree con scarsa legami di mercato. La conservazione della biodiversità consente anche a piante e animali di subire processi evolutivi naturali in grado di generare un’ampia variazione genetica che è essenziale per l’adattamento e per la resilienza contro le future minacce provenienti da parassiti e malattie.

UNIVERSITÀ ROMA TRE
BANDO (Italiano)

CALL (English)

Assegno di Ricerca co-finanziato dal Centro Rossi-Doria e dal Dipartimento di Economia, Università Roma Tre

lagravineseRAFFAELE LAGRAVINESE

Resilienza, Ripresa e Crescita: Un’Analisi delle Regioni Europee.
Supervisore: Prof.ssa Anna Giunta

Il progetto di ricerca utilizza il concetto di “resilienza” per analizzare l’impatto della recente crisi economica sulle regioni europee. In Economia Regionale, la resilienza analizza la capacità di una regione di resistere alla fase di recessione e di ritornare a crescere nella fase successiva. La ricerca sarà finalizzata a definire quali settori economici (es. manifatturiero, costruzioni, servizi) sono stati colpiti più duramente durante la crisi e quali politiche (regionali e industriali) hanno favorito la (eventuale) ripresa economica. Il progetto utilizzerà tecniche di econometria spaziale per analizzare la specializzazione industriale e la distribuzione geografica sul territorio.

Raffaele Lagravinese è’ attualmente Ricercatore in Economia Politica presso l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro.
Dal 2011 al 2015 assegnista di ricerca in Economia Applicata presso l’Università Roma Tre.
Ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Economia presso l’Università di Bari e la laurea magistrale in Scienze Economiche presso l’Università Roma Tre.
Ha trascorso diversi periodi di ricerca all’estero. In particolare presso l’Università di Cambridge, la Brunel Business School di Londra, l’Università di York, l’Università Pompeu Fabra di Barcellona.
I suoi principali interessi di ricerca vertono su:

• Economia Urbana e Regionale: Analisi e valutazione dei Fondi Strutturali europei a livello locale e regionale; Analisi della disuguaglianza a livello regionale, Analisi della Resilienza locale e regionale, Econometria Spaziale; Politiche di Sviluppo Locale.
• Economia Sanitaria: Analisi della Spesa Sanitaria, Analisi di indicatori di Efficienza-Efficacia dei sistemi sanitari; Indicatori di Qualità dei sistemi sanitari; Analisi della Mobilità, Impatto dell’inquinamento sulle malattie.
• Economia dell’Istruzione: Analisi dell’efficienza ed efficacia dei sistemi di Istruzione; Analisi del tasso di abbandono scolastico, Analisi comparate dei sistemi di Istruzione. Analisi della disuguaglianza delle opportunità e impatto sulle performance scolastiche.

Di recente ha pubblicato su: Cambridge Journal of Regions, Economy and Society, Regional Science and Urban Economics; Economic Modelling, Local Economy.